Notizie del giorno Archivio notizie Contattaci Aggiungi ai preferiti
Italia Turismo CIDEC - Federazione Italiana del Turismo della Cidec

Archivio notizie Economia

Voglia di seconda casa per le vacanze
Torna ad accelerare, grazie alla richiesta degli stranieri dell’Est europeo, il mercato immobiliare turistico dopo un biennio di stasi, registrando nel 2007 una crescita sia per le case al mare che per quelle in montagna.
Stampa l'articoloStampa ingrandisci carattereingrandisci diminuisci caratterediminuisci
Secondo l’indagine sull’andamento del mercato delle case vacanza stilata dalla società di ricerche Nomisma e dalla Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari (Fimaa), presentata a Ravenna il 7 agosto, nel 2007 i prezzi delle case al mare hanno registrato una crescita del 5,4% e quelle in montagna del 4,5%, contro rispettivamente il +5,3% e il +4,2% dell’anno scorso. Il mercato riprende slancio dopo un biennio di rallentamento, segnando un incremento soprattutto per le località marine.
Per il presidente Fimaa, Alberto Pizzirani, e il presidente Nomisma, Gualtiero Tamburini, il mercato delle seconde case ha evidenziato tendenze al rialzo, con un leggero aumento delle variazioni dei prezzi rispetto al 2006, interrompendo il trend di attenuazione dei tassi di crescita in atto da almeno un biennio.
A dare questo nuovo slancio alle quotazioni sono state le località di pregio, scelte in gran parte dagli stranieri, in particolare quelli dell’Est europeo che sono disposti a spendere il 30-40% in più rispetto ai prezzi medi massimi di mercato per immobili con caratteristiche uniche.
Il rapporto immobiliare turistico Nomisma-Fimaa segnala anche un maggiore interesse verso il comparto da parte della finanza con la novità dei fondi immobiliari dedicati ai progetti turistico-alberghieri. La società di consulenza immobiliare Reag stima in 5 miliardi di euro il valore complessivo dei progetti nel settore turistico immobiliare previsti entro il 2012.
Le case più care sono a Cortina d’Ampezzo, con prezzi medi nelle zone di pregio che arrivano a 15.630 euro al metro quadro. Dopo la perla delle Dolomiti, le località più care sono Porto Cervo e Santa Margherita Ligure (13.500 euro/mq), Forte dei Marmi (12.200 euro/mq) e Capri (12.000 euro/mq). I maggiori aumenti rispetto all’anno scorso, invece, sono stati a Punta Marina (+17,7%), Alghero Lido (+16,4%), Porto Corsini (+15,7%), Milano Marittima (+14,7%) e Marina Romea (+14,6%).
Rispetto al passato, sono aumentate le quotazioni in località attive dal punto di vista culturale, che offrono iniziative culturali, ricreative e sociali.



Scarica allegati
10.08.2007 Ufficio Stampa Italia Turismo CIDEC
torna indietro di una paginaTorna indietro torna ad inizio paginaTorna su vai alla pagina inizialepagina iniziale
Italia Turismo CIDEC
e-mail info@cidecturismo.it
sito ufficiale www.cidecturismo.it
Codice Fiscale 09928981001
Convenzioni Diventa socio Cidec Area Soci accesso riservato