Notizie del giorno Archivio notizie Contattaci Aggiungi ai preferiti
Italia Turismo CIDEC - Federazione Italiana del Turismo della Cidec

Archivio notizie Leggi

Stress da lavoro-correlato
La valutazione del rischio è obbligatoria dal 1 gennaio 2011
Stampa l'articoloStampa ingrandisci carattereingrandisci diminuisci caratterediminuisci
La valutazione del rischio stress da lavoro-correlato a carico del datore di lavoro è obbligatoria dall’inizio del 2011. Il decreto legislativo 106/09, infatti, che ha apportato alcune modifiche al D.Lgs. 81/08, ha prorogato la scadenza dell’obbligo dal 1° agosto al 31 dicembre 2010 sia per le pubbliche amministrazioni che per i privati. Va quindi aggiornato il proprio Documento di Valutazione dei Rischi (DVR). Previste anche sanzioni penali nel caso in cui non venga effettuata la valutazione. Tutte le aziende, quindi, sono chiamate ad adempiere agli obblighi secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 in materia di protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a stress lavoro-correlato. Lo stress lavorativo è inserito all’art. 28 del citato decreto sulla sicurezza e amplia la nozione di salute lavorativa, comprendendo il benessere sociale sul lavoro. Il decreto non dà indicazioni sulla valutazione dello stress lavoro-correlato, presente potenzialmente a ogni livello professionale e in qualsiasi attività lavorativa, ma rinvia all’accordo europeo del 3 ottobre 2004. Tale documento segnala che lo stress lavoro-correlato è “una condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale” e che è “conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste e alle aspettative riposte in loro”. Studi condotti a livello europeo sostengono che lo stress è il secondo problema di salute legato al lavoro riferito con maggiore frequenza. Interessa circa un lavoratore su quattro in tutta Europa, ma il numero di persone che soffrono del problema sembra destinato ad aumentare; una percentuale compresa tra il 50 e il 60% delle giornate lavorative perse, infine, è dovuta allo stress. Nel 2002 il costo economico dello stress dovuto all’attività lavorativa nell’Unione Europea a 15 Stati era di circa 20mila milioni di euro.

02.02.2011 Ufficio Stampa Italia Turismo CIDEC
torna indietro di una paginaTorna indietro torna ad inizio paginaTorna su vai alla pagina inizialepagina iniziale
Italia Turismo CIDEC
e-mail info@cidecturismo.it
sito ufficiale www.cidecturismo.it
Codice Fiscale 09928981001
Convenzioni Diventa socio Cidec Area Soci accesso riservato