Notizie del giorno Archivio notizie Contattaci Aggiungi ai preferiti
Italia Turismo CIDEC - Federazione Italiana del Turismo della Cidec

Archivio notizie Economia

Ossigeno alle imprese
Con l'iniziativa “Italia & Turismo” il governo mira a potenziare lo sviluppo del settore turistico, favorendo l’accesso al credito.
Stampa l'articoloStampa ingrandisci carattereingrandisci diminuisci caratterediminuisci

Sale a 2,785 miliardi di euro il plafond destinato a sostenere le imprese nel settore turistico ricettivo previsto dall’iniziativa “Italia & Turismo”. Il ministro al turismo Michela Vittoria Brambilla ha siglato, il 5 novembre, una serie di accordi con tre nuovi istituti di credito (Banca Nazionale del Lavoro, Monte dei Paschi di Siena e Banca Popolare dell’Emilia Romagna) che si vanno ad aggiungere agli altri cinque gruppi bancari (Banca Intesa San Paolo, Unicredit, Banco Popolare, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio) già integrati nel progetto.

Si tratta di un progetto senza precedenti per una serie di ragioni: livello di plafond raggiunto, eccezionalità delle condizioni applicate, numero di istituti bancari e sportelli coinvolti.
“Italia & turismo”, presentato il 3 giugno a Palazzo Chigi, dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e dal ministro Brambilla, mira a potenziare lo sviluppo del settore turistico, favorendo l’accesso al credito. Grazie a questa iniziativa vengono messe a disposizione del comparto ingenti risorse finanziarie aggiuntive, a condizioni particolarmente vantaggiose rispetto all’ordinaria attività creditizia.
Al plafond iniziale di 1,6 miliardi di euro si sono così sommati altri 1,185 miliardi, destinati al finanziamento di nuovi investimenti nel settore turistico ricettivo, compresi villaggi, agriturismo, campeggi, a sostegno della riqualificazione del settore stesso, anche attraverso il rinnovamento di macchinari e impianti, risparmio energetico e investimenti pubblicitari. 

L’operazione, che prevede il coinvolgimento delle associazioni di categoria, tra cui Assoturismo, Confesercenti, Confcommercio, Federturismo e Confindustria, riguarda le condizioni di credito alle imprese, ma anche i tempi di risposta ed evasione delle istruttorie di finanziamento, il supporto operativo e “progetti pilota” che accompagneranno le micro e piccole imprese del settore in un percorso di rinnovamento.Tra gli interventi più urgenti, quelli necessari a destagionalizzare il turismo, cioè estenderlo a tutti i periodi dell’anno, puntando su comparti come il turismo congressuale, culturale e del benessere. Importante anche puntare sulla formazione degli operatori del settore.
I finanziamenti non prevedono importi minimi, ma hanno tetti massimi e tassi di interesse che variano a seconda della banca impegnata nel progetto; la durata, anch’essa variabile, è compresa tra un minimo di sei mesi fino a un massimo di 20 anni, con la possibilità di un periodo di preammortamento (rate di soli interessi).


08.12.2009 Ufficio Stampa Italia Turismo CIDEC
torna indietro di una paginaTorna indietro torna ad inizio paginaTorna su vai alla pagina inizialepagina iniziale
Italia Turismo CIDEC
e-mail info@cidecturismo.it
sito ufficiale www.cidecturismo.it
Codice Fiscale 09928981001
Convenzioni Diventa socio Cidec Area Soci accesso riservato